Come scegliere il modello di auto giusto

configuratore auto

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Acquistare un’auto può rivelarsi più complesso del previsto. Oggi sul mercato sono presenti un gran numero di modelli, ognuno con le sue caratteristiche.

Fortunatamente oggi la nostra scelta può essere resa più facile dalla tecnologia. Molte case automobilistiche inseriscono un configuratore di auto all’interno del loro sito. In questo modo permettono agli utenti di conoscere nel dettaglio i veicoli e selezionare allestimenti, accessori e optional.

Nelle prossime righe vi suggeriamo quali sono i fattori da tenere in considerazione per acquistare il veicolo più adatto alle proprie esigenze.

 

L’importanza del carburante

Oggi è importante fare attenzione al tipo di alimentazione presente a bordo del mezzo. Oltre alla benzina e al diesel possiamo fare scelte più sostenibili e anche economicamente vantaggiose, come i motori ibridi e quelli elettrici.

I motori ibridi sono caratterizzati da una doppia alimentazione. All’interno ospitano un classico motore a benzina e un innovativo motore elettrico, dotato di una propria batteria. Le due fonti di energia lavorano insieme, per abbassare i consumi mantenendo alte le prestazioni. Questa tecnologia è in costante evoluzione, e oggi troviamo motori ibridi anche sulle auto sportive.

Le macchine elettriche sono totalmente prive di emissioni, poiché non utilizzano alcun tipo di combustibile fossile. Con questi mezzi possiamo dimenticare le fluttuazioni del prezzo della benzina, e su base annuale il nostro risparmio può essere decisamente notevole.

L’unico ostacolo riguarda il costo: in generale le auto elettriche tendono a costare di più rispetto a quelle a benzina. Proprio per questo le istituzioni promuovono gli ecobonus, incentivi economici disponibili per chi sceglie di acquistare un veicolo con basse emissioni.

 

Auto compatte o spaziose?

Una caratteristica che non possiamo sottovalutare è il volume del mezzo.

Per chi si muove in città la scelta ideale potrebbe essere una utilitaria o una city car, con dimensioni compatte e pronta a entrare anche nei parcheggi più piccoli. Ogni centimetro in meno può fare la differenza nel traffico delle grandi metropoli. Si finisce per sacrificare lo spazio interno, e ciò rende queste auto poco adatte a chi ha una famiglia numerosa.

Al contrario un’auto spaziosa, come un SUV o una monovolume, può permettere spostamenti confortevoli per tutta la famiglia. Inoltre un ampio volume interno è l’ideale per chi viaggia spesso e ha necessità di caricare molti bagagli. Purtroppo un maggior volume nell’abitacolo si traduce in più spazio occupato all’esterno, rendendo questi mezzi poco agevoli nella ricerca del parcheggio nell’ora di punta.

 

L’altezza del mezzo

Molti sottovalutano l’altezza del mezzo, un parametro che al contrario andrebbe preso in grande considerazione. Chi vive fuori dal centro potrebbe trovarsi ad attraversare strade dissestate o poco curate, dove un mezzo con il pianale più alto è meno soggetto a guasti o rotture.

Lo stesso vale anche per chi ha problemi con la schiena. Per chi soffre di dolori o reumatismi un mezzo più alto può risultare davvero confortevole. Per entrare nell’abitacolo non è necessario piegarsi, e la maggiore altezza permette di attutire al meglio le vibrazioni.

 

Pensare al futuro

Quando si acquista una macchina è importante ragionare e riflettere non solo sulle proprie esigenze presenti, ma anche su quelle future. Quali sono i nostri programmi per i prossimi anni?

Ad esempio se stiamo pensando di allargare la famiglia potremmo aver bisogno di una automobile più spaziosa. Potrebbe così essere meglio fare ora l’acquisto di una monovolume, piuttosto che ritrovarsi con la necessità di cambiare auto dopo pochi anni.

Lo stesso vale anche per le nostre intenzioni lavorative. Vogliamo trasferirci dalla periferia alla metropoli? Meglio un SUV compatto, piuttosto che una lunga station wagon.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Articoli Correlati

Lascia un commento