Solare termico sottovuoto: Funzionamento, Prezzi ed Efficienza

solare termico sottovuoto

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Il solare termico sottovuoto è una delle alternative che abbiamo oggi a disposizione per sfruttare la luce solare allo scopo di produrre energia.

Nello specifico, questo tipo di soluzione può essere utilizzata per:

  1. Produrre acqua calda sanitaria, per utilizzarla per ogni tipo di necessità domestica;
  2. Integrare il riscaldamento per ridurre il consumo di gas.

Questa è però soltanto una delle alternative che abbiamo a disposizione. Prima di scegliere un pannello solare termico sottovuoto dovremo capire in quali casi questo sia vantaggioso e in quali casi invece sia svantaggioso.

È proprio questo l’obiettivo della nostra guida.

Le due categorie di pannelli solari termici

Ci sono due tipologie di pannelli solari tra quelli più comunemente utilizzati:

  • I Pannelli solari termici piani
  • I Pannelli solari termici a tubi sottovuoto

Come si compone un pannello solare termico sottovuoto

Il pannello solare sottovuoto è composto da tubi in vetro e dal relativo assorbitore con superficie captante. All’interno di quest’ultimo c’è un capillare, un piccolo tubo in rame, sempre in sottovuoto.

Il principio utilizzato è quello dell’heat pipe: l’energia solare va a scaldare il fluido inserito nei capillari. Il fluido evapora e trasferisce il calore al collettore di raccolta.

Sarà poi il fluido vettore del collettore a portare il calore fino al bollitore.

Quali sono i vantaggi dei pannelli solari termici sottovuoto?

Ci sono diversi vantaggi che sono collegati ai pannelli solari termici sottovuoto, rispetto a quelli classici:

  1. Sono più efficienti: a parità di condizioni generano il 15/20% in più di acqua calda rispetto ai pannelli solari classici;
  2. Offrono buone prestazioni anche in inverno e anche se vivi in una zona d’Italia che raggiunge parecchi gradi sotto lo zero; si tratta di un enorme vantaggio rispetto ai pannelli classici, che non sono invece in grado di funzionare al meglio in inverno;
  3. Possono essere installati in orizzontale e in verticale, quindi sia sui tetti a falde, sia sui tetti piani. In alternativa, i solari termici sottovuoto si possono installare anche sulla facciata;
  4. Si possono orientare i tubi, anche con 25° di inclinazione. Grazie all’inclinazione puoi ottenere un rendimento maggiore;

In quali casi conviene installare un pannello solare termico sottovuoto?

Si trotta di una soluzione che è sicuramente indicata nei seguenti casi:

  • Per chi ha bisogno di flessibilità nell’installazione e deve sfruttare superfici che non potrebbero essere altrimenti sfruttate con i pannelli solari classici
  • Per chi vuole sfruttare al massimo il proprio impianto anche durante l’inverno
  • Per chi vuole il massimo dell’efficienza da quelli che sono i sistemi solari moderni

Ti consigliamo comunque di consultarti con un installatore certificato per ottenere tutte le informazioni di cui hai bisogno per fare la scelta giusta.

Quanto costano i pannelli solari termici sottovuoto?

Dipende molto dalla tipologia di pannello che andiamo ad installare. Indicativamente possiamo dirti che:

  • Per un impianto con circolazione naturale spendiamo tra i 400 e gli 800 euro a mq
  • Per un impianto con circolazione forzata spendiamo tra gli 800 e i 1.500 euro a mq

I pannelli solari di questo tipo catturano anche i raggi solari in obliquo

Vale la pena di ricordare in chiusura che questo tipo di pannelli solari sono dotati di specchi a forma di parabola, che permettono di intercettare sul collettore anche i raggi solari obliqui.

Questa possibilità permette all’impianto di funzionare al massimo dell’efficienza anche nel caso di scarsa luminosità, di cielo coperto o di temperature non esattamente estive.

Potrai ottenere acqua calda sanitaria e riscaldamento anche quando le condizioni climatiche sembrerebbero avverse.

Ti ricordiamo inoltre che la scelta del solare non è soltanto vantaggiosa in termini economici. Scegliendo una fonte di energia rinnovabile potrai infatti ridurre il tuo impatto sull’ambiente, limitando problemi quali le piogge acide, l’effetto serra e il riscaldamento globale.

Problemi gravi nei confronti dei quali tutti dovremmo provare a fare la nostra parte.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Articoli Correlati

Lascia un commento